Per staff

Natale Di Restanza

 

Quando al termine della stagione, visto gli innumerevoli imprevisti,  mi sono reso conto che il bilancio economico del diving non mi avrebbero permesso di affrontare la stagione successiva , per me è iniziato un  periodo di riflessione costante e perenne, al termine del quale il mio stato d’animo era decisamente a terra.

Mentre cercavo diverse soluzioni per venirne a capo, ho iniziato pian piano a confidarmi con gli amici ed è li che ho capito quello che in 9 anni di attività era successo ed avevamo fatto.

Ogni amico, ogni subacqueo, ogni persona in generale con cui mi confrontavo  era sconvolta quanto me da questa situazione.  Nessuno si capacitava del fatto che il Diving Center Ustica potesse appendere le mute al chiodo. Rimasi piacevolmente sorpreso da quelle reazioni e decisi quindi di intraprendere il crowdfunding tramite la piattaforma produzioni dal basso.

Quando la campagna partì mi resi conto in pochissimi minuti di quello che il diving center aveva creato in questi nove anni: il telefono iniziò a squillare ininterrottamente, i messaggi su wathsapp si susseguivano freneticamente, mail impazzita, facebook impallato, un boom!!

Ho sempre cercato di trasmettere il mio amore per il mare e per la mia Isola  in maniera semplice, schietta, senza tante discussioni legate a didattiche e filosofie della subacquea. A me semplicemente piace stare sott’acqua, ammirare i pesci nel loro ambiente, parlare poi delle immersioni, di Ustica, di quanto siano belle.

“Stringendo il sugo”, come si dice da queste parti quando si vuole tagliare corto, in tantissimi avete manifestato la vostra solidarietà, la vostra amicizia, il vostro amore con generosità e tempestività. Soprattutto avete sostenuto una causa, la nostra, che esprime il desiderio di molti giovani di rimanere e crearsi un’attività nella propria terra, nonostante le pressioni fiscali, lo spopolamento, l’isolamento territoriale e istituzionale a cui sono sottoposte le isole minori. Non è più il caso di parlare del Diving Center Ustica come di un’attività turistica stagionale ma come di una grande famiglia, di quelle in cui una moltitudine di fratelli, sorelle, cugini, zie,nonni, nipoti e parenti acquisiti si ritrova a godere di una calda residenza estiva e a condividere esperienze e racconti, subacquei e non. Grazie a tutti voi anche questa estate potremo riaprire le porte di questa casa e accogliere tutta la famiglia.

Vi aspetto tutti ad Ustica per festeggiare insieme  i dieci anni di attività .

Buon Natale e grazie di tutto .

Jonathan, Sara, Elena .